Hamilton
Mark Thompson/Getty Images

Clamoroso quanto successo in Russia a poche ore dalla fine del Gran Premio di Sochi, vinto da Valtteri Bottas davanti a Max Verstappen e Lewis Hamilton. I Commissari di Gara hanno deciso di rivedere la penalità inflitta all’inglese per la doppia prova di partenza effettuata in una zona vietata del circuito prima del via, attribuendo la responsabilità di quanto accaduto alla Mercedes.

Hamilton
Dan Mullan/Getty Images

E’ stato infatti l’ingegnere di pista del campione del mondo a dare il via libera al proprio pilota a compiere le prove di partenza in quel punto della pista, come emerso successivamente alla gara. Per questo motivo, i Commissari hanno restituito i due punti sulla licenza a Hamilton, rifilando alla Mercedes una sanzione di 25.000 euro per ognuna delle due partenze effettuate dal suo pilota. Questa la nota ufficiale: “i commissari hanno ricevuto informazioni dalla squadra che confermano come il conducente della monoposto numero 44 abbia ricevuto istruzioni dal personale del team di eseguire le partenze in una posizione vietata, ciò è stato verificato e confermato dai Commissari Sportivi che hanno ascoltato le comunicazioni tra il team e il pilota. Sulla base di queste informazioni i Commissari Sportivi sostituiscono i punti di penalità (inflitti a Hamilton) con una sanzione per il concorrente (Mercedes-AMG Petronas F1 Team) di € 25.000“.