Roma, 4 set. (Adnkronos) – è ormai noto che la produzione di contenuti brandizzati di qualità, in linea con il posizionamento e i valori della marca, è un modo efficace di comunicare, che consente di attrarre una audience specifica e di instaurare con essa una relazione di valore. Per questo motivo sempre più aziende credono nelle potenzialità del Branded Content & Entertainment, dedicandosi alla produzione di progetti dai formati più diversi.
Ma come si costruisce un progetto di Branded Content & Entertainment di successo? La realizzazione di tali iniziative richiede competenze diversificate: conoscere gli strumenti e le tecniche di marketing è indispensabile ma non sufficiente, poiché bisogna anche padroneggiare logiche, linguaggi e filosofie di programmazione tipiche delle discipline dello spettacolo e della comunicazione, fino ad arrivare all’arte e alla cultura, a seconda della tipologia di format che si desidera realizzare.
Per utilizzare questa leva in modo proficuo le aziende devono dunque poter contare su manager che conoscano le tecniche di base dello storytelling, ma che sappiano al contempo sviluppare una strategia di comunicazione; persone che possano dialogare internamente all’impresa con responsabili di produzione, aree strategiche, amministratori delegati, ed esternamente con direttori di rete e produttori di contenuti.
Il Master in Branded Content & Entertainment organizzato da Upa e Obe, in partenza a settembre, vuole rispondere proprio a questa necessità, formando nuovi talenti con queste competenze specifiche: il percorso, articolato in 18 giornate d’aula, è arricchito di esclusivi moduli online per il distance learning, e può contare su una faculty di primissimo livello che coinvolge sia docenti delle principali università milanesi (Bocconi, Cattolica, Iulm), sia top manager e professionisti delle principali realtà aziendali attive nel settore: broadcaster, editori, centri media, aziende.
Un’opportunità per gli studenti di incontrare alcune figure di riferimento di questo mondo, per apprendere da loro i “segreti del mestiere”, ma anche alcuni creator, protagonisti di noti progetti di Branded Content & Entertainment, come ad esempio i The Jackal.
Dopo una prima parte di scenario, utile a inquadrare il tema, dove si parlerà di costruzione di brand, di strategia di marca, ma anche di storytelling e linguaggi mediali, verranno analizzati attraverso moduli specifici i diversi formati, generi e mezzi in cui si declina il Branded Content & Entertainment: in calendario giornate dedicate al branded content televisivo, digitale, cinematografico, ma anche lezioni volte a esplorare le forme più innovative come l’influencer marketing, i podcast, le app. Inoltre, grazie a momenti dedicati, ci sarà modo di approfondire tutte le diverse fasi del processo di realizzazione di un progetto di Branded Content & Entertainment, dalla stesura del brief fino alla costruzione del budget. Per maggiori informazioni è possibile collegarsi al sito: .