Roma, 15 set. (Adnkronos) – “Ieri una bambina è nata in ambulanza, durante il viaggio da Bedonia all’Ospedale Maggiore di Parma. Nel fare i nostri migliori auguri alla mamma e alla piccola Stella, pensiamo sia giunto il momento di ricordare al presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, le sue promesse in tema di riaperture dei punti nascita dell’Appennino. Perché ormai la cronaca è piena zeppa di parti in ambulanza, avvenuti negli ultimi anni”. Lo afferma Anna Maria, Bernini, capogruppo di Fi al Senato.
“In campagna elettorale -ricorda- il centrosinistra aveva assicurato che i punti nascita di Borgotaro (Pr), Castelnovo né Monti (Re), Pavullo (Mo) e Porretta Terme (Bo), avrebbero riaperto in tempi brevissimi. I protocolli erano già pronti, il Patto per la salute già siglato. Poi, certo, c’è stata la pandemia, e tutto è passato in secondo piano. Ma i cittadini non hanno dimenticato: e ancora attendono tempi certi per vedersi restituire un servizio fondamentale per chi vive in montagna. Perché, come dico sempre, vivere sull’Appennino non può diventare una colpa. Ed è tempo, davvero, che le Istituzioni diano finalmente risposte concrete”.