Milano, 16 set. (Adnkronos) – Dieci persone sono state arrestate dai carabinieri in diverse regioni del Nord e del Centro Italia in un’operazione antidroga. Le indagini, coordinate dalla Dda di Brescia, hanno permesso di individuare i componenti di un’organizzazione attiva nel traffico internazionale di cocaina, venduta principalmente nelle province di Ferrara, Venezia, Bolzano, Monza Brianza, Alessandria, Pistoia, Bologna e Varese.
Agli arresti sono finiti due italiani, marito e moglie di Pieve a Nievole, in provincia di Pistoia, e otto cittadini albanesi, residenti nelle province di Bergamo, Brescia, Varese, Venezia, Firenze e Ferrara. Le indagini hanno permesso di individuare tra i vertici dell’organizzazione due fratelli albanesi residenti in provincia di Firenze, che si sono occupati di gestire direttamente le importazioni della droga dai Paesi Bassi, affidando a una coppia di coniugi italiani di 52 e 56 anni, residenti a Pieve a Nievole, il compito di trasportare lo stupefacente. La coppia utilizzava autovetture modificate con doppifondi per nascondere la droga, che via terra veniva importata in Italia dal Belgio e dall’Olanda.
L’indagine, avviata alla fine di agosto 2019 e conclusa circa tre mesi dopo, aveva già portato all’arresto di 18 persone e al sequestro di 15 chili di cocaina, per un valore commerciale di oltre un milione di euro.