Milano, 10 set. (Adnkronos) – I verbali desecretati del Cts “sono stati la ciliegina sulla torta di una strategia comunicativa basata sul bluff”. E’ l’accusa di Robert Lingard, responsabile della comunicazione di ‘Noi denunceremo’, il comitato dei parenti delle vittime del coronavirus di Bergamo, in conferenza stampa. “Hanno iniziato a parlare del virus assassino, del nemico invisibile per deresponsabilizzarsi, poi hanno fatto uscire i verbali il tardo pomeriggio, quando le redazioni dei giornali dovevano capire cosa far uscire il giorno dopo e dovevano dare la notizia della desecretazione degli atti. E siccome non c’era tempo per leggere i 95 verbali, la notizia non erano i contenuti dei verbali, ma la loro desecretazione”. Per Lingard è stata “una strategia per essere danneggiati il meno possibile”.