Pechino, 8 set. (Adnkronos) – Risale la tensione al confine tra Cina e India. Pechino ha accusato l’esercito indiano di aver attraversato illegalmente la frontiera sull’Himalaya, sparando “colpi di avvertimento”. In un comunicato diffuso oggi, il ministero della Difesa cinese ha denunciato una “grave provocazione militare” da parte indiana dopo che un gruppo di soldati ha oltrepassato il confine, motivo per cui “le truppe cinesi di difesa della frontiera sono state costrette a prendere le contromisure opportune per stabilizzare la situazione sul terreno”. Il ministero non ha precisato di che misure si tratti e da parte di Nuova Delhi non è arrivata al momento alcuna reazione.
Nel giugno scorso, tra militari cinesi e indiani si erano verificati violenti scontri, che avevano causato la morte di decine di soldati (venti nelle fila dell’esercito di Nuova Delhi, secondo fonti indiane, mentre da parte cinese non è mai stata comunicata alcuna cifra). Venerdì scorso a Mosca, a margine di una riunione internazionale, c’era stato un incontro tra i ministri della Difesa tra i due Paesi in un tentativo di conciliazione, ma già qualche ora dopo si erano scambiati l’accusa reciproca di alimentare le tensioni.