Il caso relativo all’esame farsa svolto da Luis Suarez lo scorso 17 settembre ha avuto un risvolto clamoroso, il procuratore capo di Perugia, Raffaele Cantone, ha deciso di bloccare a tempo indeterminato l’indagine a causa delle fughe di notizie degli ultimi giorni.

Suarez
Francois Nel/Getty Images

Il pm si è infuriato anche per la pubblicazione di documenti probatori da parte degli organi di stampa, aprendo anche un fascicolo per accertare eventuali responsabilità: “sono indignato per quanto successo finora, compreso l’assembramento dei mezzi di informazione oggi sotto alla Procura. Faremo in modo che tutto questo non accada più“. Uno stop arrivato in una giornata cruciale per l’inchiesta, visto che proprio oggi si sono tenuti gli interrogatori dei legali della Juventus, sentiti dal pm come persone informate sui fatti. La mossa di Cantone potrebbe essere comunque dettata dal fatto di voler allentare la pressione mediatica sul caso, evitando la ressa creatasi negli ultimi giorni. L’obiettivo è quello di ripristinare un certo livello di riservatezza, per evitare di compromettere tutto il lavoro svolto fino a questo momento. Non è dato sapere fin quando l’inchiesta sarà sospesa, ma probabilmente all’inizio della prossima settimana tutto potrebbe riaprirsi.