regate vela d'altura

Il Campionato Italiano Assoluto della vela d’Altura 2020 si è aperto oggi 25 agosto a Gaeta, con una “cerimonia” di benvenuto molto marinara e nel pieno rispetto dei necessari protocolli sanitari. I 57 equipaggi iscritti (per un totale di oltre 600 velisti), provenienti da tutta Italia, sono stati omaggiati ciascuno a bordo della propria barca di un kit di benvenuto, mentre i messaggi di saluto di organizzatori e istituzioni sono arrivati dalle radio di bordo sul Canale 74.

Da mercoledi 26 a sabato 29 il Golfo di Gaeta sarà lo scenario delle regate: il Campionato Italiano è il clou della stagione e assegna gli “scudetti” della vela d’Altura. La voglia di regatare è tanta e lo dimostra la presenza di quasi sessanta yacht che rappresentano il meglio di una specialità velica nella quale l’Italia è considerata tra i riferimenti internazionali.

Sono 29 barche del Gruppo A, le più grandi tra 11 e 15 metri circa di lunghezza: 12 per la categoria Regata, le restanti 17 per quella Crociera, entrambe le quali assegnano i relativi titoli tricolore. Il Gruppo B (tra 7 e 10 metri circa) vede al via 28 yacht, 6 dei quali per la categoria Regata e 22 Crociera.

Tra gli iscritti da segnalare la presenza di tre “defender”, vincitori dei titoli di categoria nel 2019: il Grand Soleil 43B Blue Sky di Claudio Terrieri (CV Ravennate); il Vismara 34 Vlag di Luca Baldino (YC Gaeta), che da velista locale è anche partner dell’evento con i vini della sua cantina Santi Quaranta; e il Mylius 14E55 Milù III di Andrea Pietrolucci (CV Fiumicino).

Si annunciano interessanti i duelli tra i due yacht più grandi, i TP52 Macchia Mediterranea di Giampero Russo (RYCC Savoia) con a bordo Francesco De Vita e Paolo Scutellaro, e Air is Blue di Roberto Monti (LNI Milano).
Nel Gruppo B sarà tutta da seguire la regata tra tre gemelli Italia Yachts 11.98: gli estoni di Sugar 3 di Ott Kikkas, che avranno però un equipaggio con tanti assi italiani, come Matteo Polli, Matteo Ivaldi e Paolo Montefusco; gli italianissimi di Scugnizza di Vincenzo De Blasio (CC Napoli), con a bordo Daniele De Tullio e Andrea Ballico, e infine Guardamago II di Massimo Piparo (CN Capodimonte, Bolsena).

Da seguire anche il confronto a distanza tra imbarcazioni dei Gruppi Sportivi militari: il Vismara 46 Aeronautica Militare Duende, con a bordo tra gli altri Giancarlo Simeoli, Francesco Cruciani e Niccolò Bertola, e i due First 36.7 della Marina Militare, Cygnus e Deneb, il primo dei quali avrà a bordo anche il navigatore oceanico Andrea Pendibene.

Tra gli altri protagonisti annunciati delle regate di Gaeta il plurivittorioso Swan 42 Be Wild di Renzo Grottesi con Gigi Masturzo, l’X35 Excalibur del Presidente UVAI Fabrizio Gagliardi, e per citare solo alcuni nomi: Gianfranco Noè su Morgan, Enrico Zennaro su Mela, l’ex olimpico Lorenzo Bodini su Sarchiapone, Tiziano Nava su Canopo, Alberto Leghissa e Giovanni Cassinari su Selene, un altro ex olimpico, Emanuele Vaccari, su Nautilus.

L’apparato di sicurezza sanitaria intorno al campionato ha previsto le iscrizioni online e la gestione di risultati, comunicati della Giuria, proteste, stazze, tramite una app.