Stipe Miocic
Foto Getty / Handout

Cala il sipario sulla straordinaria trilogia fra Stipe Miocic e Daniel Cormier. Il terzo match è meno spettacolare rispetto ai primi due, ma regala il tanto attesso verdetto: Stipe Miocic vince ai punti l’incontro di UFC 252 e si conferma campione dei pesi massimi, Daniel Cormier perde e si ritira con una certa vena polemica. Il motivo è una ditata nell’occhio involontaria, sul finire del terzo round, che penalizza Cormier.

Stipe Miocic
Foto Getty / Handout

Episodio che probabilmente fiacca le ultime resistenze del buon Cormier che ha provato a far valere la sua abilità nella lotta, ma che è valsa a poco. Miocic, che nel tempo libero fa il vigile del fuoco a Cleveland, lo ha letteralmente spento. Dopo aver rischiato di capitolare nel primo round per una presa al collo non connessa da Cormier, la strategia del fighter di origini croate è stata pressochè perfetta. Pungenti i jab al volto, quasi letali i semiganci che atterrano Cormier al secondo round. La già citata ditata permette poi a Miocic di controllare l’incontro portando addirittura l’avversario alla parete e neutralizzando i colpi del rivale: aspetto premiato dai giudici.

Nell’ultimo round un abbraccio fra i due, prima di tornare a darsele. Le energie vengono meno, i colpi risultato inefficaci, soprattutto quelli di Cormier conscio del gap atletico rispetto al rivale. Ai punti vince Miocic che difende la propria cintura e chiude la trilogia e la carriera straordinaria di Daniel Cormier.