Donald Trump torna a prendere di mira l’NBA. Il presidente americano attacca la lega di pallacanestro americana in merito alla decisione dei giocatori di inginocchiarsi durante l’inno nazionale, chiaro segno di protesta in favore dei diritti degli afroamericani, ma che Trump considera un gesto disonorevole.

Il presidente USA ha dichiarato: “è un gesto fuori luogo. Abbiamo parlato a lungo con la NBA in questo periodo particolare, cercando di trovare un compromesso tra i desideri di protesta incruenta dei giocatori ed il rispetto decoroso del regolamento. Nonostante i nostri sforzi, volti a trovare una soluzione sintetica tra le parti, ora vedo tutte le franchigie inginocchiarsi, come se la consapevolezza di violare il regolamento rendesse più vigorosa la protesta. Questi gesti, ribaditi in massa, sono disonorevoli. Vedendo i giocatori mancare di rispetto al nostro inno ed alla nostra bandiera, provo un enorme desiderio di cambiare canale, prima ancora che inizi la partita. A quanto pare non sono l’unico a pensarla in questo modo: mi è sembrato di intuire che gli ascolti televisivi della NBA siano calati drasticamente nell’ultimo periodo, proprio a causa del comportamento sconsiderato dei suoi giocatori“.