Gregorio Paltrinieri
Foto Getty / Ian MacNicol

Spettacolo, emozioni e anche un record italiano nell’ultima giornata del Trofeo Sette Colli, conclusosi oggi nel magnifico scenario dello Stadio del nuoto del Foro Italico. Sotto i riflettori non può che esserci Gregorio Paltrinieri, capace di vincere i 1500 stile libero centrando il nuovo record europeo e italiano.

Gregorio Paltrinieri
Foto Getty / Quinn Rooney

Il nuotatore azzurro sbaraglia la concorrenza e ferma il crono in 14:33.10, migliorando di quasi un secondo il precedente primato. Record italiano invece per un supersonico Alberto Razzetti, capace di vincere i 200 misti e di centrare il nuovo primato tricolore. Il nuotatore azzurro ferma il crono in 1’08″09, levando il record a Boggiatto dopo undici lunghi anni. Sulla stessa distanza, però in ambito femminile, il titolo va ad Anna Pirovano che si impone in volata con 2’14″21, davanti a Sara Franceschi e Costanza Cocconcelli. Quarta una stanca Cusinato.

federica pellegrini
Quinn Rooney/Getty Images

Buona la prestazione anche di Federica Pellegrini nei 200 stile libero femminili, la Divina suda le proverbiali sette camicie per avere ragione di Valentine Dumont, regolata solo nell’ultima vasca. Non proprio soddisfatta in sala stampa la nuotatrice di Spinea, ancora lontana dalla sua migliore condizione fisica. Vittoria ex aequo invece nei 200 dorso maschili per Mencarini e Restivo, che si prendono il titolo tricolore con il crono di 1’57″98. Bronzo tricolore per Ciccarese, giunto dietro a Tomac.

Gabriele Detti
Foto Getty / Paolo Bruno

In ambito femminile sorride Margherita Panziera che, pur senza brillare, non lascia scampo alle proprie avversarie. Vince Ceccon nei 50 farfalla uomini, mentre Ilaria Cusinato si impone nei 200 farfalla donne mettendosi alle spalle i problemi degli ultimi anni. I 200 rana sorridono al tedesco Koch, il titolo italiano dunque va al veterano Edoardo Gioirgetti che chiude secondo in 2’11″05. Successo straniero anche nei 200 rana donne, con la svizzera Mamie che precede Martina Carraro, a cui va il titolo italiano. Nei 200 stile libero uomini vittoria a sorpresa per Marco De Tullio, che piazza un ottimo 1’46″56 che basta per mettersi alle spalle un indomito Gabriele Detti, costretto ad accontentarsi del secondo posto.