Pool/Getty Images

Alla fine la spuntano Portland e Memphis, che si giocheranno una contro l’altra lo spareggio play-in per l’ultimo posto disponibile per i play-off.

Damian Lillard
Foto Getty / Pool

Al termine di una notte ricca di emozioni e di colpi di scena, sono i Blazers di Lillard e i Grizzlies di Brooks a sorridere, al contrario di Phoenix e San Antonio che chiudono qui la propria stagione. Portland soffre fino all’ultimo secondo contro Brooklyn, rischiando grosso proprio sulla sirena, quando il tiro di LeVert incoccia sul ferro e salva i Blazers, che si impongono 134-133 e conquistano l’ottavo posto. Ennesima grande prestazione di Lillard che chiude con 42 punti all’attivo, che portano il suo bottino a 154 punti nelle ultime tre partite: mai nessuno come lui. A sfidare domani i Blazers nel play-in sarà Memphis, abile a sbarazzarsi senza problemi di Milwaukee.

Troy Brown Jr
Pool/Getty Images

I Grizzlies si impongono 119-106, sfruttando anche l’assenza di Antetokounmpo sospeso per un turno. Ottima prestazione di Jonas Valanciunas, che piazza la sua prima tripla doppia in carriera con 26 punti, 19 rimbalzi e 12 assist. Sabato lo scontro diretto con Portland, in caso di successo di Memphis ci sarà il replay domenica, altrimenti saranno i Blazers a sfidare i Lakers nel primo turno dei playoff. Niente da fare per i Suns che, nonostante completino il filotto di 8 vittorie su 8 partite nella bolla di Orlando, non riescono a strappare un posto nel play-in.

Marco Belinelli
Foto Getty / Ronald Martinez

Devin Booker il migliore in campo per Phoenix, considerando i suoi 27 punti con 11 su 20 dal campo, conditi anche da 7 rimbalzi e 5 assist in 32 minuti di gioco. Si interrompe dopo 22 anni la striscia di partecipazioni consecutive di San Antonio ai playoff, gli Spurs infatti perdono l’ultima contro Utah Jazz e dicono addio alla post-season. Solo 16 i punti di Marco Belinelli alla sua ultima partita in maglia Spurs, visto che a fine stagione sarà free agent. Nell’ultimo match di giornata, vittoria per gli Orlando Magic contro i Pelicans, che si arrendono 133-127.