Damian Lillard
Foto Getty / Pool

I Phoenix Suns non si fermano più, confermandosi la franchigia più in forma nella bolla di Orlando. La formazione guidata da coach Williams vince la settima partita su sette disputate dopo la ripresa post-Covid superando Philadelphia 117-130. Il protagonista del match non poteva che essere Devin Booker, capace di mettere a referto 35 punti in 41 minuti di gioco, chiusi con 11/24 al tiro e conditi con nove rimbalzi e sette assist.

Damian Lillard
Foto Getty / Kevin C. Cox

Sono quattro invece i successi di fila per Boston, che non danno scampo a Memphis e la stendono con il punteggio di 107-122. Grizzlies sempre più in caduta libera, sono sei infatti i ko incassati nelle ultime sette gare, un bottino nero costato l’ottavo posto a Ovest a favore di Portland. Servirà adesso una vittoria contro Milwaukee per assicurarsi almeno la chance di un play-in. Chi crede fermamente di agguantare i playoff sono appunto i Blazers, che si impongono di misura su Dallas grazie ad un pazzesco Lillard. Il numero 0 di Portland mette a referto ben 61 punti, eguagliando il proprio personal best in carriera e diventando l’unico giocatore nella storia, insieme a Wilt Chamberlain, a segnare 60 o più punti in tre gare nella stessa stagione.

Giannis Antetokounmpo
Foto Getty / Gregory Shamus

Sacramento vince la sfida inutile contro i Pelicans, imponendosi 112-106 al termine di un match tra due squadre già eliminate dalla corsa playoff. Ottima la prestazione di Barnes, che mette a referto 25 punti risultando il top scorer della gara. Nell’ultimo match di giornata, vittoria per Milwaukee al cospetto di Washington, costretta ad arrendersi 113-126 alla maggiore brillantezza dei Bucks. In una sfida con nulla in palio, a far notizia è l’espulsione di Giannis Antetokounmpo che, nel secondo quarto, rifila una testata a Moritz Wagner.