Marcus Smart
Maddie Meyer/Getty Images

Nell’emozionante finale di partita fra Boston Celtics e Milwaukee Bucks un episodio avrebbe potuto cambiare l’esito della gara. Giannis Antetokoumpo si lancia a canestro ma trova Marcus Smart sul suo cammino, riuscito a posizionarsi appena in tempo per subire quello che sembrava un fallo di sfondamento e che, se confermato, sarebbe stato il sesto personale del cestista greco. Dopo un’attenta revisione, gli arbitri hanno optato per convalidare il canestro, valutando l’azione come fallo di Smart. Il cestista dei Celtics non ci ha pensato due volte nel dichiarare che quella decisione fosse palesemente di parte: “penso che tutti sappiamo del perché hanno deciso in questo modo: altrimenti ci sarebbe stato il sesto fallo di Giannis e non volevano cacciarlo. Dobbiamo dire le cose come stanno in maniera chiara“. Preso atto delle sue dichiarazioni, l’NBA ha deciso di multare il cestista dei Boston Celtics con una multa da 15.000 dollari.