MATTEO DUNCHI

Nessun rimpianto per Vincenzo Nibali al termine della Milano-Sanremo, vinta da Wout Van Aert in volata su Alaphilippe.

nibali Il corridore della Trek-Segafredo si è detto soddisfatto della sua prestazione ai microfoni di Spazio Ciclismo, nonostante non sia arrivato un risultato degno di nota: “Van Aert l’aveva dimostrato specialmente alle Strade Bianche, era il favorito della giornata. Io ero alla quarta corsa oggi, molto lunga, sono contento. Ho sbagliato, ho attaccato troppo lungo e di fatto ho lanciato l’azione per Alaphilippe e mi è mancata la gamba per seguire. Loro sono molto più esplosivi e veloci di me, hanno molte più fibre bianche su un’azione del genere. Io alla fine stavo bene, abbiamo fatto una giusta interpretazione, perché non avevamo corridori veloci, abbiamo attaccato più volte. Alla fine sono contento per come le gambe rispondevano anche se poi il risultato è stato un pugno di mosche, però alla fine è stata una bella gara. Una Sanremo completamente diversa, il caldo ha fatto secondo me molti più danni del percorso, che comunque non era semplice. Fiducia per il Lombardia? Vediamo“.