Zvonimir Boban
Foto Getty / Alessandro Sabattini

Intervistato ai microfoni del ‘Corriere del Ticino’, Zvone Boban si è tolto qualche sassolino dalla scarpa. L’ex dirigente del Milan, che ha detto addio ai rossoneri dopo la spaccatura della scelta di Rangnick come nuovo allenatore (prima che Gazidis tornasse sui suoi passi), ha dichiarato: “ora il nostro operato è stato rivalutato e le nostre capite, questo mi rende orgoglioso. Il Milan adesso ha la base per tornare ai vertici. Rinuncia a Rangnick? Non è una cosa di cui mi importa. Quello che valuto è che la squadra ora ha un futuro migliore rispetto agli ultimi anni“.

Zlatan Ibrahimovic
Foto Getty / Alessandro Sabattini

Chiosa finale su Ibrahimovic e Rebic, due calciatori fortemente voluti dall’ex dirigente croato: “Ibra è un fenomeno e con lui è cambiato tutto. Ha fatto la differenza, ma oltre a questo lui migliora tutti quelli che gli stanno attorno. Vede il gioco prima degli altri. Rebic, invece, ha fatto cose straordinarie dopo aver sofferto all’inizio della sua avventura. Adesso è cresciuto, siamo rimasti sorpresi dai miglioramenti fatti e dalla continuità di rendimento ad altissimo livello“.