Wolff
Charles Coates/Getty Images

La Mercedes non firmerà il cosidetto ‘Patto della Concordia‘, il nuovo accordo economico fra tutti i team della Formula 1. La scuderia campione del mondo in carica crede che, per l’apporto che fornisce alla Formula 1 e per la presenza di Lewis Hamilton, pilota con più appeal nel paddock, non siano stati trattati come meriterebbero.

Toto Wolff ha dichiarato: “siamo la vittima più grande riguardo il lato economico. La Ferrari ha mantenuto una posizione di vantaggio. Red Bull si bilancia con AlphaTauri. Quindi siamo noi a essere i più danneggiati. Credo che Mercedes abbia dato un contributo notevole a questo sport negli ultimi anni. Siamo stati competitivi in pista, ma abbiamo anche il pilota che ha l’appeal più alto a livello globale. Abbiamo la sensazione che, pur essendo in trattativa, non siamo stati trattati come avremmo dovuto. Pertanto, per noi ci sono un sacco di argomenti ancora aperti che sono legali, commerciali e sportivi. Dal nostro punto di vista non mi sento pronto a firmare il Patto della Concordia. Quanto potremo impiegare per trovare un accordo e firmare? Dipenderà dagli altri. Se i team sono disposti a sedersi a un tavolo, affrontare gli argomenti più spinosi, discuterne e magari arrivare a un compromesso, allora penso che si possa firmare in fretta. Ma non ho visto questo approccio“.