Lichtsteiner
Matthias Hangst/Getty Images
Si è presentato oggi Andrea Pirlo nelle nuove vesti di allenatore della Juventus e proprio del nuovo tecnico bianconero ha parlato un suo ex compagno di squadra, Lichtsteiner:” la notizia mi ha sorpreso, ma solo per un paio di secondi. È un’ottima scelta, Andrea ha enorme credibilità. Riuscirà a gestire il gruppo: è calmo, simpatico, conosce l’ambiente. Mi ricorda Zidane, certo non Conte o Simeone. Urlerà quando servirà. Importa solo che abbia un buon impatto sul gruppo. E non ho dubbi. Alla Juve vinci lo scudetto e magari c’è chi dice che hai fallito. Quasi quasi per il club sarebbe meglio non vincere una volta. Ma è chiaro che da Andrea si pretenderà il decimo scudetto di fila. Lo proteggeranno i dirigenti e soprattutto il nucleo storico: Gigi, Giorgio, Leo. Pirlo avrà bisogno di un po’ di tempo, ma funzionerà”, ha dichiarato lo svizzero.
Non è mancato poi un commento su Antonio Conte e la sua situazione all’Inter: “Antonio è un fenomeno: in una stagione fa il lavoro che un altro tecnico svolge in tre. Mi ha trasformato da ottimo terzino in campione. Ogni anno a febbraio non ne avevo più perché correvo tantissimo, ma poi lui trovava il modo per farmi tirare fuori qualcosa che non sapevo di avere dentro. Il club che lo prende sa come è fatto”, ha aggiunto prima di lanciare una frecciata: “l’Inter ha cercato anche me? Ma io non ho tradito la Juve”.