Ciro Immobile
Foto Getty / Paolo Bruno

Ciro Immobile ha appena concluso una stagione da record, conquistando il titolo di capocannoniere del campionato di Serie A con il record di 36 gol, che gli è valso anche la conquista della Scarpa d’Oro.

Immobile
Marco Rosi/Getty Images

Ennesimo traguardo pazzesco per l’attaccante della Lazio che, intervistato ai microfoni del Corriere dello Sport, ha giurato amore eterno ai colori biancocelesti: “rinnovo del contratto? Sto aspettando che mi chiamino. Ho intenzione di legarmi per sempre alla Lazio. Il rinnovo sarà triennale, quindi il contratto scadrà nel 2025 quando avrò compiuto 35 anni, quello che mi ha dato e mi sta dando la Lazio non ha prezzo. Napoli è la città dove sono nato, il Napoli lo seguo sempre con affetto. Prima che arrivassi alla Lazio i contatti con il Napoli erano frequenti, ma per una ragione o per un’altra non siamo mai andati a dama. Nel periodo in cui si parlava del possibile acquisto del Newcastle da parte di un fondo dello sceicco, hanno chiamato il mio agente Alessandro Moggi. Poi la Premier non ha fatto passare la proposta, il fondo si è ritirato. So che cercavano anche un allenatore italiano, Allegri o Spalletti“.

Ciro Immobile
Marco Rosi – SS Lazio

Sulla vittoria della Scarpa d’Oro, l’attaccante della Lazio ha ammesso: “pazzesco, se rileggo l’albo della Scarpa d’Oro al contrario quasi non ci credo: Messi-Messi-Suarez-Ronaldo-Ronaldo-Messi-Messi-Ronaldo-Messi. Ora ci sono io davanti a Ronaldo e Lewandowski. Ho interrotto il duetto Leo-Cristiano. Per questo ho ringraziato la squadra, era il minimo che potessi fare. Rimpianti per i rigori lasciati ai compagni? Nessuno, ho fatto quello che andava fatto. Se non mi fossi comportato così non avrei raggiunto la cifra record. Lo spogliatoio, i suoi equilibri prevalgono sul resto. Sono fili sottilissimi e non devono essere mai spezzati“.