pirlo
Marco Luzzani/Getty Images

E’ iniziata la nuova avventura di Pirlo alla Juventus: l’allenatore bianconero si è presentato oggi alla stampa tra sensazioni e obiettivi. “Vorrei riportare un po’ di entusiasmo che forse è mancato nell’ultimo periodo. Ai ragazzi ho detto che dobbiamo sempre avere il pallone e quando non lo abbiamo dobbiamo recuperarlo velocemente. Il nuovo Pirlo? Abbiamo tanti giocatori bravi non con le mie caratteristiche, ma bravi“, ha dichiarato.

pirlo
Marco Luzzani/Getty Images

Sono convinto di essere al posto giusto nel momento giusto. Per quanto riguarda i moduli potranno variare di partita in partita: difendere a 3 e impostare a 4. Con Ronaldo abbiamo già chiacchierato. E avremo tempo di parlare di tattica e ruoli. Dybala non è mai stato sul mercato. Fa parte del progetto. Se possono convivere in campo? Basta che ci sia sacrificio e abnegazione. Più giocatori di qualità ci sono meglio è. Mi sono sentito subito a mio agio, anche con quelli con cui ho giocato. Per loro forse era un po’ strano, per me no. Non è stato un problema. L’obiettivo? Quello di vincere. Non è facile, ma ci proveremo“, ha aggiunto Pirlo.

Non poteva mancare un commento sul mercato bianconero: “se farò richieste di mercato? Certo. Sto parlando con la società. Sono io l’allenatore e ho in mente un certo tipo di giocatori che non vengo da dire a voi“.

pirlo
Emilio Andreoli/Getty Images

Tudor l’ho scelto io. Avevo bisogno di un assistente con esperienza che avesse già allenato in A e che avesse un certo tipo di personalità. E lui in quanto ex juventino era perfetto per entrare nel mio staff. Higuain? È una persona che ammiro. Ma i cicli finiscono. Ci siamo guardati negli occhi e abbiamo deciso di prendere strade diverse. Lui è stato messo da parte ma da persone serie abbiamo deciso così. Io predestinato? In panchina dipenderà dai risultati, solo quella può essere la cosa da allenatore. Credo nelle mie possibilità e sono sicuro di poterlo raggiungere anche da allenatore“, ha concluso.