Higuain
Valerio Pennicino/Getty Images

Gonzalo Higuain non ha al momento nessuna intenzione di lasciare la Juventus, il Pipita ha ancora un anno di contratto e il 24 agosto si ripresenterà a Torino per iniziare una nuova stagione agli ordini di Andrea Pirlo.

Intervistato da Fox Sports sulle proprie intenzioni, il Pipita ha ammesso: “per adesso io sto bene, riposo e penso. Il 24 torno ad allenarmi, ho ancora un anno di contratto in Italia. Devo presentarmi, vedere cosa succederà con il nuovo allenatore perché ci sarà sicuramente una dinamica diversa. MLS? Molti giocatori ci vanno, e sarebbe bello, sì. Ma adesso sono qui. Dopo il calcio non diventerò un allenatore: troppo stress mentale e fisico. Gli allenatori cominciano con i capelli neri e se ne vanno tre anni dopo con i capelli grigi. Calcio argentino? Non mi manca, ma mi piace guardarlo”.

Sul fatto di essere stato etichettato come traditore dopo l’addio al Napoli, Higuain ha ammesso:”non mi sento un traditore per essere andato via da lì, alla fine sono scelte che si fanno in carriera, per migliorare e essere felici. Bisogna pensare a questo: quanti giocatori sono passati dal Boca al River? O dall’Inter al Milan, come capitato a Ronaldo il Fenomeno o allo stesso Pirlo, oppure dal Barcellona al Real Madrid. È successo anche a mio padre. A Napoli stavo bene, ho fatto quel record di gol in campionato (36). Poi è arrivata la Juve“.

Su Messi, infine, il Pipita ha chiosato: “non so se lascerà il Barcellona. È una situazione difficile e drammatica. Solo lui può sapere che fare. Spero che accada il meglio e che possa essere felice. Giocare con Messi e CR7? Condividono il fuoco interiore di voler rimanere nell’élite del calcio per così tanto tempo. Non è facile. Negli ultimi 15 anni hanno vinto undici Palloni d’Oro e hanno dominato nell’ultimo decenni. Lautaro ha grandi possibilità di essere il mio erede. È un giocatore giovane, con ottime qualità e spero che sarà il numero 9 in nazionale per molti anni“.