Garcia
Laurence Griffiths/Getty Images

E’ arrivato il momento della resa dei conti, Juventus e Lione sono pronte a sfidarsi all’Allianz Stadium per guadagnarsi un posto nelle ‘Final Eight‘ di Champions League a Lisbona. Un match da dentro o fuori che al momento vede avanti i francesi, capaci di vincere nella gara d’andata per 1-0 davanti al proprio pubblico.

Juventus
Marco Luzzani/Getty Images

Rudi Garcia però non è affatto tranquillo, anche se ai microfoni della Gazzetta dello Sport ha sottolineato di voler dar fondo ad ogni propria energia per eliminare i bianconeri: “ho visto le partite della Juve, so che c’è chi dice non ha giocato bene, ma rispondo che ha vinto il campionato in 36 giornate, e non solo perché gli avversari sono calati. Se avessero avuto bisogno di punti nelle ultime gare, li avrebbero fatti. Possiamo dire che gioca meno bene di una volta, ma è la più forte. Vince perché ce l’ha nel Dna e qualsiasi allenatore arrivi deve coltivarlo. Sarri lo ha fatto e ha vinto, e ora si giudica il gioco. Io dico solo che sono stati ancora i migliori“.

Ronaldo e Cuadrado
Enrico Locci/Getty Images

Garcia poi ha proseguito: “vogliamo andare a Lisbona per le ‘final eight’. Farlo sarebbe un exploit, ma siamo in vantaggio per 1-0. Non ci difenderemo per tutta la partita, dovremo fare in modo di fare un gol. Se ci riusciremo, sarà complicato eliminarci. Col Psg abbiamo dimostrato una solidità difensiva interessante. Certo, siamo outsider e la Juve è strafavorita, perché è costruita per vincere la Champions, come il Psg. Il fatto che Cristiano Ronaldo sia arrivato alla Juve ne è un segnale chiaro. Di solito chi vince 1-0 ha più chance, ma sappiamo con chi giochiamo e dove giochiamo“.