Zhang Jr
Emilio Andreoli/Getty Images

Serata importante per l’Inter, che in Germania si gioca l’accesso alla finale di Europa League contro lo Shakhtar Donetsk, avversaria dei nerazzurri in semifinale.

Conte
Emilio Andreoli/Getty Images

L’ad Marotta ha parlato prima del match, soffermandosi sulla presenza del presidente Zhang a Dusseldorf e sul clima che si respira nello spogliatoio: “se la presenza di Zhang ha portato tranquillità? Quanto successo da noi sono dinamiche tipiche di una squadra di calcio, tutto ormai è dimenticato. La presenza qui in Germania di Steven Zhang è importante, in quanto rappresenta la proprietà ed è un significato in termini di stimoli nuovi. Il finale in crescendo? E’ un’impresa straordinaria, non dobbiamo dimenticare che l’avvicendamento tecnico tra Conte e Spalletti è avvenuto quest’anno, e Conte ha avuto per la prima volta a disposizione di suoi giocatori da luglio. Non può che esserci un futuro migliore, anche con le giuste valutazioni del parco giocatori e con le giuste opportunità che il mercato può offrire“.

Conte panchina
Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

Sull’Europa League, Marotta poi ha sottolineato: “conquistare la finale rappresenterebbe il giusto riconoscimento per il lavoro di Conte e della squadra, un palcoscenico consono al valore del club. Sarebbe una vittoria importante per creare il giusto mood all’interno della società. Rappresentare l’Italia è gratificante e motivo d’orgoglio, è il riconoscimento di quello che è successo in una stagione anomala. Arrivare oggi con una forma fisica eccellete premia il lavoro dell’allenatore e della società. I nostri sono giocatori alle prime esperienze in campo internazionale. L’esperienza non può che giovare. Le partite come quelle contro Borussia e Barcellona sono state di esperienza. Con rammarico, ma abbiamo fatto tesoro e sono servite per la crescita“.