Dylan Groenewegen
Foto Getty / Chris Graythen

L’incidente che lo ha visto protagonista nella prima tappa del Giro di Polonia non gli ha lasciato solo conseguenze fisiche, ma anche e soprattutto psicologiche per quanto accaduto a Fabio Jakobsen.

Caduta Giro di PoloniaPer questo motivo Dylan Groenewegen ha deciso di allontanarsi dal ciclismo, almeno per un periodo, così da superare questa brutta botta che lo ha provato nello spirito. Questa la sua ammissione a NOS: “non volevo far male a nessuno, sia chiaro, ma è chiaramente colpa mia. Ho deviato dalla mia traiettoria e non è consentito. Al momento non riesco a pensare ad altro che a Fabio e alla sua famiglia. Spero che riprenda al più presto. Ho capito subito che era qualcosa di grave. Ho visto i suoi compagni andargli attorno e ho capito che non stava per niente bene. Posso solo sperare che le cose vadano per il meglio. Ora non voglio salire in bici. Pensare agli sprint appare così lontano. Non voglio proprio pensare al ciclismo nei prossimi mesi. In seguito si vedrà“.