Dustin Johnson
Katelyn Mulcahy/Getty Images

La grande giornata di Dustin Johnson, risalito dal 20° al primo posto con 127 (67 60, -15) colpi, e l’impresa di Scottie Scheffler, che ha girato in 59 (-12, dodici birdie), divenendo l’undicesimo giocatore nella storia del PGA Tour a infrangere il muro dei 60 colpi e portatosi al secondo posto con 129 (-13) alla pari con l’australiano Cameron Davis, hanno caratterizzato la seconda giornata del Northern Trust. E’ il primo dei tre tornei finali del PGA Tour 2020-2021 al termine dei quali verranno assegnati i 60 milioni di dollari complessivi in palio per la FedEx di cui 15 milioni andranno al vincitore.

Sul percorso del TPC Boston (par 71), a Norton nel Massachusetts, dove si compete per un cospicuo montepremi di 9.500.000 dollari, Johnson ha segnato sulle prime undici buche due eagle e sette birdie, ma poi non è riuscito a cogliere il birdie sulle rimanenti otto (60, -11), condotte in par, per trasformare in realtà quello che è il sogno di tutti i golfisti. E’ sicuramente un privilegiato Jim Furyk unico a scendere due volte sotto i 60 colpi, perché insieme al 59 ha segnato anche uno straordinario 58, record assoluto, nel Travelers Championship del 2016.

Sono in quarta posizione con 130 (-12) Harris English, il sudafricano Louis Oosthuizen e il neozelandese Danny Lee e in settima con 131 (-11) Kevin Kisner e Russell Henley. Hanno recuperato Webb Simpson, da 72° a 18° con 134 (-8), Justin Thomas, numero due mondiale e leader della graduatoria FedEx Cup, da 30° a 20° con 135 (-7), e lo spagnolo Jon Rahm, numero uno del World Ranking, da 53° a 29° con 136 (-6), impegnato a difendere un trono instabile con soli 18 centesimo di punto di vantaggio.

Passi indietro di Rickie Fowler, da 20° a 40° con 137 (-5), e notizie poco liete per Tiger Woods, da 30° a 58° con 139 (-3), ultimo punteggio utile per rimanere in gara, autore di un 71 (par, tre birdie, tre bogey). Stesso score per Patrick Reed, che difende il titolo, per il nordirlandese Rory McIlroy e  per l’inglese Justin Rose. Sono usciti al taglio Jordan Spieth (140, -2), Bryson DeChambeau e Phil Mickelson (142, par) e Collin Morikawa (143, +1) e alla vigilia della gara si è ritirato Brooks Koepka per problemi all’anca  al ginocchio.

Sentenza inappellabile per Phil Mickelson e per Jordan Spieth, i quali non entreranno tra i primi 70 della graduatoria FedEx che saranno ammessi al prossimo BMW Championship (27-30 agosto) e che diventeranno trenta nell’ultimo atto (Tour Championship, 4-7 settembre). Con questa classifica Thomas rimarrebbe al primo posto FedEx  seguito da Johnson e da Simpson, mentre sarebbero out Fowler e Rose. Quanto a Woods, 49° prima della gara, sta diventando problematica la sua presenza al gran finale.

Diretta su GOLFTV – Il Northern Trust viene trasmesso in diretta da GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it). Terza giornata: sabato 22 agosto, dalle ore 19 alle ore 24.