Max Verstappen mascherina
Foto Getty / Mark Thompson

Alla vigilia del weekend di Spa, sua pista preferita, Max Verstappen parla chiaramente delle sue ambizioni in ottica titolo. Il pilota olandese è sempre molto schietto e non nasconde la sua voglia di vincere un Mondiale.

Max Verstappen podio
Bryn Lennon/Getty Images

Contro queste Mercedes però sarà davvero dura, Max non si è fatto problemi ad ammetterlo in conferenza stampa: “difficile dire per quale motivo siamo ancora indietro rispetto alla Mercedes. Tutti nel team hanno dato il loro meglio, ma Mercedes nel corso dell’inverno ha lavorato molto bene. Hanno trovato tanta performance nel motore. Noi stiamo dando il massimo, ma siamo ancora abbastanza lontani. Non molliamo e cercheremo di lottare per vincere in ogni occasione che avremo. Sarà complicato anche il prossimo anno, perché le regole saranno le stesse e le monoposto pressoché le medesime di quest’anno. Se parliamo esclusivamente del nostro passo, penso che entrambi i piloti Mercedes, sia Lewis che Bottas, avrebbero dovuto essere davanti a me nel Mondiale. Chiaramente Valtteri ha uno zero dovuto a una foratura molto sfortunata, ma anche io sono stato sfortunato nella prima gara in Austria. Forse, però, sino a ora abbiamo ottenuto più di quanto dovessimo raccogliere. Abbiamo massimizzato ogni occasione che abbiamo avuto. Questo certamente mi fa piacere, ma penso di parlare non solo a nome mio, ma anche a nome del team, quando dico che non corriamo per il terzo o il secondo posto, ma per lottare per il titolo. Detto questo, dobbiamo accettare la posizione in cui ci troviamo. Non siamo in grado di lottare per il titolo. In termini di passo, siamo troppo lenti. Siamo stati fortunati a vincere una gara, abbiamo ancora molto lavoro da fare“.

Verstappen ha poi commentato l’abolizione del quali-mode: “dal nostro punto di vista non credo che l’abolizione del quali mode cambierà le cose e ci permetterà di andare davanti. Forse saremo un po’ più vicini, quello sì, ma il gap in qualifica è davvero molto grande. Dunque una quali mode non farà la differenza. L’unica speranza è essere un po’ più vicini a loro“.