wolff
Charles Coates/Getty Images

Il Gp del Belgio sarà l’ultimo nel quale sarà consentito l’uso del ‘party mode‘, l’asso nella manica della Mercedes nelle qualifiche. Un brutto colpo per le ‘Frecce Nere’ in vista dei prossimi weekend? Neanche per sogno. Toto Wolff spiega che, al netto di qualche lieve peggioramento il sabato (che coinvolgerà anche le altre scuderie), la Mercedes ne guadagnerà in gara: “non ci mancano le prestazioni al sabato, in qualifica avevamo un bel margine e il divieto di alcune modalità di propulsione ci aiuterà effettivamente in gara. Se riesci a evitare di danneggiare il tuo propulsore in quei pochi giri di qualifica che hai a disposizione in Q3, poi le misurazioni dei danni scendono drasticamente: 5 giri di qualy mode non effettuati ci danno 25 giri di prestazioni in più in gara, e questo è qualcosa che crediamo ci darà più spinta. Anche se in qualifica potrebbe farci più male, cosa di cui non sono sicuro, nell’ordine di un paio di decimi, colpirà però tutti gli altri allo stesso modo: se dovessimo essere limitati nelle modalità di qualifica, allora saremo più forti in gara“.