toto wolff
Mark Thompson/Getty Images

Ancora una vittoria per la Mercedes, con Lewis Hamilton che si è aggiudicato il Gp del Belgio, lasciandosi alle spalle il compagno di squadra Valtteri Bottas e l’olandese della Red Bull Max Verstappen.

Weekend da dimenticare per la Ferrari, che dopo il venerdì di prove libere ed il sabato di qualifiche disastrosi ha disputato una gara complicatissima con Vettel e Leclerc rispettivamente al 13° e 14° posto.

Toto Wolff
Pool/Getty Images

La Ferrari è un marchio unico ed iconico, e dovrebbero essere in prima linea non è un bene per la Formula 1 e non va bene neanche per i team che sono al vertice. Mi sento molto vicino a tutti i tifosi e ai dipendenti della Ferrari per questa mancanza di prestazioni. Alla fine, bisogna mettere in discussione le priorità che sono state stabilite negli ultimi tempi e capire da dove viene la mancanza di prestazioni. Nessuno dei tifosi e del popolo Ferrarista merita un simile risultato. Forse dipende dalle decisioni che sono state prese all’interno del team, da alcuni membri della squadra”, ha dichiarato Toto Wolff ieri dopo le qualifiche del Gp del Belgio.

wolff
Mark Thompson/Getty Images

“Penso che il ritmo sia stato buono non ho niente da dire in senso negativo. Abbiamo sudato un po’ alla fine perché le gomme stavano arrivando al capolinea. Lo stesso è successo a Max e alla fine abbiamo dovuto tutti gestire gli pneumatici”, queste le parole di Toto Wolff ai microfoni di Sky Sport F1 oggi invece dopo la gara.

Come prima cosa la FIA sta facendo fatica a guardare tutti i canali dei dati e noi volevamo rendergliela più facile. Poi, quando vinci tante gare, le altre squadre vogliono coalizzarsi contro di te che vogliano rallentarci è un po’ fastidioso perché non dà abbastanza credito alle persone di Brixworth che hanno spinto al limite dopo l’anno scorso” ha concluso il team principal della Mercedes.