binotto
Mark Thompson/Getty Images

Il weekend di gara di Spa si sta rivelando particolarmente difficile per la Ferrari: il team di Maranello non ha disputato, finora, delle buone sessioni di prove libere, andando un po’ a tentoni e piazzando le sue monoposto in fondo alla classifica dei tempi.

Binotto
Charles Coates/Getty Images

Non sembra una situazione piacevole dall’esterno e non lo è neanche all’interno (della squadra), certamente non siamo stati competitivi. Sia nelle FP1 che nelle FP2, abbiamo faticato a far funzionare le gomme, mancava il grip sia in frenata che in accelerazione, entrambi i piloti hanno lamentato problemi di aderenza e questo non ha permesso di avere la prestazione complessiva dalla monoposto”, queste le parole di Mattia Binotto.

Penso che ovviamente non sia questo il potenziale delle nostre monoposto, non è certo la nostra posizione normale se confrontiamo dove siamo in classifica rispetto alla competitività delle altre vetture. Sappiamo che c’è molto da lavorare nel corso della notte, dobbiamo capire quanto è successo analizzando i dati, soprattutto capire il motivo per cui non stiamo portando le gomme nella giusta finestra di temperatura e assicurarci di poter affrontare in modo migliore il resto del fine settimana. Abbiamo verificato gli stessi problemi su entrambe le vetture, quindi possiamo escludere problemi legati ai piloti, si tratta di trovare la giusta finestra per far funzionare le gomme”, ha aggiunto il team principal Ferrari.

Binotto
Mark Thompson/Getty Images

Penso che a seconda del livello di carico aerodinamico che viene scelto puoi andare meglio in un certo settore, ma se non trovi le finestre giuste per far lavorare le gomme non si va bene in nessuno dei tre settori. È questo il punto su cui dobbiamo concentrarci per il resto del fine settimana“, ha concluso.