Elkann
Mark Thompson/Getty Images

La notizia delle ultime ore è senza dubbio quella della rinuncia da parte di Mattia Binotto al ruolo di direttore tecnico della Ferrari, avvenuta in seguito alla ristrutturazione organizzativa messa in atto dalla scuderia di Maranello.

Binotto
Charles Coates/Getty Images

Il team principal ha sottolineato di concentrarsi adesso solamente sulla direzione della GES, controllando ovviamente il lavoro dei suoi collaboratori. Intervenuto a Channel 4, Binotto ha rivelato: “c’è voluto un po’ di tempo per organizzarci, per assicurarsi che il reparto tecnico fosse ristrutturato. Non è qualcosa che si fa in un giorno. Ora che abbiamo le persone giuste nel ruolo giusto, posso delegare il lavoro tecnico e non coprire più il ruolo di direttore tecnico. Ci sono altre persone che lo fanno. Hanno obiettivi chiari. E penso che siano altrettanto entusiasti e concentrati sugli obiettivi da raggiungere. Da parte mia ci sono molte cose che devo fare. Sicuramente li terrò d’occhio per mantenerli carichi per gli obiettivi da raggiungere nel prossimo futuro“.

squadra Ferrari
Mark Thompson/Getty Images

Binotto poi ha proseguito auspicando una pronta risalita della scuderia: “penso che se guardiamo indietro, possiamo dire di aver avuto stagioni competitive. Oggi non lo siamo, ma sono abbastanza sicuro di poter invertire l’andamento in futuro. È importante avere il supporto dei membri del Consiglio d’amministrazione, del nostro Presidente e del CEO. Stiamo condividendo la stessa visione, gli stessi obiettivi. Sappiamo che abbiamo bisogno solo di un po’ di pazienza. Non ci sono soluzioni immediate, ma stiamo cercando di rafforzare la squadra. Penso che alla fine sto gestendo un’intera azienda. La Scuderia è grande, quindi sono molto impegnato nelle molteplici attività. Non c’è tempo per seguire tutto“.