squadra Ferrari
Mark Thompson/Getty Images

Nella giornata di ieri la Ferrari aveva svelato sul proprio sito ufficiale un nuovo organigramma, caratterizzato dalla presenza di ben sei direttori tecnici che avrebbero dovuto svolgere le mansioni fino a qualche giorno fa attribuite a Mattia Binotto.

Mekies
Charles Coates/Getty Images

Un numero singolare di persone per un solo ruolo che ha immediatamente sorpreso gli addetti ai lavori, rimasti increduli davanti a questa decisione che, alla fine, si è rivelata essere un clamoroso errore. Oggi infatti sul sito ufficiale della ‘Rossa‘ è arrivato il dietrofront, visto che adesso appaiono solo quattro ingegneri del precedente sestetto. I motori sono diretti da Enrico Gualtieri, la parte telaistica è affidata a Enrico Cardile e Simone Resta mentre le questioni di pista restano al direttore sportivo Laurent Mekies, da cui dipendono Ineki Rueda (simulazione) e Matteo Togninalli (capo degli ingegneri di pista). Nessuna cooperativa dunque ma solo un clamoroso abbaglio, segnale di come in questa stagione alla Ferrari non ne vada bene una.