Viviani
Bryn Lennon/Getty Images

Elia Viviani non potrà difendere il titolo europeo su strada, il corridore azzurro non è stato inserito nella lista dei convocati da parte del ct Cassani ma non per sua scelta. La Cofidis, squadra dello sprinter italiano, ha deciso di non far partecipare il proprio atleta ai Campionati di Plouay, a causa della crescente emergenza legata al Coronavirus.

Cassani
Pier Marco Tacca/Getty Images

Questa la spiegazione di Viviani: “non è stata una scelta mia, con Davide avevamo creato come sempre una squadra forte, pronti a ripetere il mio titolo, e il mio obiettivo era ancora quello di farmi trovare pronto per uno sprint, anche se ridotto visto il percorso più mosso. La Nazionale sarebbe stata a mio supporto in caso di volata. Era tutto programmato con Cassani, sarebbe stato un appuntamento importante e da campione uscente avrei voluto ripetermi”.

nizzolo
Tom Dulat/Getty Images

Viviani poi ha proseguito: “purtroppo la situazione del coronavirus in giro per il mondo e in Francia sta peggiorando, e quindi il team ha fatto una restrizione al nostro interno e non permette a nessuno, staff e corridori, di partecipare agli Europei. Significa non entrare in un altro gruppo, non essere a contatto con altra gente, non cercare rischi a tre giorni dal Tour. Non ho fatto altro che comunicarlo a Davide. Ovviamente dispiacere da parte mia e da parte della squadra. Ma l’Italia è forte come prima, Nizzolo è in palla, Trentin ha recuperato, Colbrelli va, Ballerini anche. Mi dispiace perché volevo ripetermi. Non sono mai belle queste scelte, ma devo accettare le restrizioni e pensare al Tricolore e al Tour“.