LeBron James
Foto Getty /Katelyn Mulcahy

L’NBA è sul piede di guerra, anzi… di protesta. I cestisti americani hanno deciso di boicottare le gare dei Playoff NBA da disputare nelle prossime ore per sostenere le proteste legate al caso Jacob Blake, afroamericano colpito da 7 pallottole alla schiena, esplose dalla polizia mentre era inoffensivo. I primi a protestare sono stati i Bucks, franchigia del Wisconsin, stato dove si è consumata la vicenda, che hanno boicottato la partita contro i Magic: li hanno seguiti Lakers, Blazers, Thunder e Rockets. LeBron James ha fatto sentire subito la propria voce sui social twittando un messaggio durissimo: “fanculo, vogliamo un cambiamento! Sono stanco di questa situazione“.