Lukaku
Giampiero Sposito/Getty Images

Un pareggio che non serve a nessuno, né all’Inter che resta lontana dalla Juventus capolista e né alla Roma che vede accorciarsi il vantaggio sul Milan. All’Olimpico finisce 2-2 un match ricco di emozioni e colpi di scena, che lascia però con l’amaro in bocca entrambe le formazioni, uscite comunque dal campo con la consapevolezza di aver dato tutto.

Roma-Inter
Giampiero Sposito/Getty Images

L’unico verdetto certo al termine di questi 90 minuti è che sia l’Inter che l’Atalanta sono aritmeticamente qualificate per la prossima edizione della Champions League, visto che a quattro giornate dalla fine il gap per i giallorossi è incolmabile. La squadra di Fonseca però, più che guarda avanti getta l’occhio alle proprie spalle, dove Milan e Napoli seguono a due punti di distanza. Fondamentale per la Roma chiudere davanti al Milan, essendo gli azzurri già qualificati ai gironi di Europa League, con la vittoria della Coppa Italia di qualche settimana fa. Giungendo alle spalle dei rossoneri, si spalancherebbero le porte dei preliminari per Dzeko e compagni, un’eventualità che tutti vorrebbero evitare.

Spinazzola
Giampiero Sposito/Getty Images

Pochi sorrisi anche in casa Inter, dove il sogno scudetto è quasi definitivamente sfumato. Ennesima occasione persa dai nerazzurri, saliti a meno cinque dalla Juventus ma con una partita in più. Nel caso in cui i bianconeri dovessero battere la Lazio, volerebbero a più otto con dodici punti ancora a disposizione: una sentenza quasi definitiva. A Conte non resta che mangiarsi le mani, ripensando a tutti quei punti buttati per strada che, a questo punto, sarebbero serviti per allungare una corsa scudetto che appare ormai segnata.