Marco Belinelli
Foto Getty / Ronald Martinez

L’NBA si prepara a ripartire, lo farà nella bolla di Disney World a Orlando, dove tutte le squadre si riuniranno per completare la stagione interrotta dal Coronavirus.

Belinelli
Gregory Shamus/Getty Images

Tra queste ci saranno anche i San Antonio Spurs di Marco Belinelli, che ha raccontato alla Gazzetta dello Sport come si vive all’interno della bolla: “sono pieno di energie: ho ancora dentro il fuoco, la passione e la voglia di confrontarmi. Ammetto che a inizio lockdown temevo che non saremmo riusciti a completare la stagione, anche se conosco bene la potenza dell’Nba e l’importanza dell’aspetto economico. E adesso siamo qui a Orlando. Il cibo non è granché ma sarà molto meglio dopo questi primi giorni di quarantena. Adesso ci lasciano il cibo fuori dalla porta della camera perché qui non può entrare nessuno e noi non possiamo avere contatti con i dipendenti. Andrà molto meglio tra qualche giorno. Ho scaricato molte serie tv, così ingannerò il tempo“.

leclerc belinelliIl giocatore azzurro ha mostrato negli scorsi giorni sui social un braccialetto, che tutti dovranno indossare: “è una delle cose in dotazione. Ci permette di non toccare le maniglie, come se fosse una chiave che apre le porte. È personalizzato, con logo della squadra, il mio nome e la faccia di Topolino. Lo porterò, come l’anello anti-Covid: siamo qui per fare quello che dobbiamo, sperando sia il più sicuro possibile. Spero che tutti, giocatori e non, rispettino le regole per sé stessi e gli altri. L’Nba ha concesso ai giocatori internazionali di scrivere il messaggio nella propria lingua: da italiano orgoglioso quale sono ne ho subito approfittato. Ho scelto ‘uguaglianza’ perché per me è la cosa più importante“.

belinelli martinaIl futuro al momento non è una priorità: “sarà free agent ma non ci penso adesso, anche perché per ora quello che succederà ad ottobre è solamente un grosso punto di domanda. Di una cosa sono sicuro: la mia prima opzione è rimanere in Nba, almeno per uno o due anni. Un sogno? L’idea di vincere con la Nazionale l’ho sempre dentro di me“.