Markelle Fultz
Foto Getty / Streeter Lecka

La carriera di Markelle Fultz è stata, fin qui, piuttosto sfortunata. La first pick del Draft 2017 ha subito diversi infortuni che ne hanno reso complicata la meccanica di tiro, influendo non solo sul suo benessere fisico, ma anche sulla sicurezza nei propri mezzi. I Sixers lo hanno scaricato, volenterosi di vincere nell’immediato, i Magic hanno provato a dargli una chance e più tempo per recuperare. Quando sembrava sulla strada giusta per un nuovo inizio però, il lockdown ha posto un freno a tutto. E purtroppo per Markelle Fultz lo stop è coinciso con una regressione.

Lo spiega coach Steve Clifford: “Markelle è entrato nella bolla in ritardo rispetto al resto dei suoi compagni, per via di una serie di problemi familiari. Non è risultato positivo al COVID-19, nonostante molti lo abbiano insinuato, ma ha dovuto ovviamente aspettare 36 ore prima di potersi riunire al resto della squadra. Ad essere completamente sinceri, il problema reale è il seguente: Markelle non è fisicamente pronto per giocare. Proviene da situazioni delicate in termini di infortuni ed evidentemente l’isolamento degli ultimi mesi non ha giovato ad un ragazzo che stava finalmente trovando continuità. Non dico debba ricominciare da zero, ma sicuramente necessita di una preparazione atletica non indifferente. Non lo ritengo in grado di giocare i 5 vs. 5 in allenamento, motivo per il quale sarà complesso vederlo in campo nelle primissime partite. In ogni caso, saranno l’equipe medica ed il diretto interessato ad individuare il momento più propizio per il ritorno”.