LeBron James e Anthony Davis
Foto Getty / Steve Dykes

L’NBA ha permesso ai propri giocatori, che torneranno in campo ad Orlando, di apporre alcuni messaggi sociali sulle proprie maglie per sensibilizzare chiunque guardi le partite con messaggi antirazzisti e di equità sociale. Anthony Davis però, seguendo la decisione di LeBron James, non avrà alcun messaggio sulla propria casacca.

Il motivo lo ha spiegato ad ESPN e differisce da quello di LeBron: “penso che il cognome Davis sia qualcosa di importante, che permette di rappresentare la mia famiglia ogni volta che scendo in campo. Non sapevo cosa decidere: dovrei indossare un messaggio di giustizia sociale o avere il mio cognome? Penso solo che il mio cognome sia qualcosa di molto importante per me. Anche la giustizia sociale ovviamente. Poter avere il proprio cognome sulla maglia significa rappresentare me, la mia famiglia e tutti coloro che mi hanno seguito durante la mia carriera e che mi hanno aiutato a raggiungere questo punto. Nonostante ciò, bisogna continuare a fare tutto ciò che serve per sollevare il tema dell’ingiustizia sociale e ottenere finalmente il cambiamento”.