alberto puig
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Fine settimana da dimenticare per la Honda a Jerez, il team HRC ha dovuto fare i conti con l’infortunio di Marc Marquez mentre quello LCR con la frattura allo scafoide di Crutchlow.

alberto puig
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Nonostante tutti questi imprevisti, Alberto Puig ha voluto guardare il bicchiere mezzo pieno alla fine della prima tre giorni di Jerez, concentrando la sua attenzione sul passo gara di Marquez, ben più veloce rispetto a quello degli avversari: “la strategia era quella di iniziare bene la gara e provare a dominare fino alla fine. Stava succedendo proprio questo, fino a quando Marc non è uscito di pista dopo pochi giri, non ce lo aspettavamo. La priorità di Alex invece era finire la gara, subito dopo l’obiettivo era finire vicino al gruppo di piloti che lottavano per i punti. È un buon risultato per essere la sua prima gara e siamo tutti contenti per lui“.

Presentazione Honda MotoGp Marquez PedrosaPuig poi si è soffermato sull’infortunio di Marc Marquez: “è una cosa davvero brutta, quando si ha un pilota infortunato non c’è quasi nulla di positivo. Dall’altra parte però, abbiamo visto tutti il suo livello. In Qatar qualcuno dubitava del suo rendimento, invece questo fine settimana è stato chiaro a tutti che non c’è alcun dubbio sulle sue capacità. La Honda RC213V ed anche lui sono chiaramente un passo avanti agli altri. Non era solo un po’ più veloce, era molto più veloce di tutti gli altri. La differenza, piaccia o no, continua ad aumentare anno dopo anno“.

Marquez triste
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Il team manager della HRC ha analizzato anche la gara dello spagnolo: “quando è uscito di pista ha avuto bisogno di un paio di giri per recuperare la concentrazione. Ma abbiamo visto che raggiungeva tutti i piloti che aveva davanti. Se ci fossero stati 4 o 5 giri in più avrebbe ripreso anche Quartararo, visto che andava un secondo più veloce. Sappiamo che tipo di pilota abbiamo, oggi ha dimostrato chi è una volta di più. Ma ora deve riposare, provare a recuperare e appena sarà pronto tornerà a lottare per la vittoria. Queste cose succedono quando sei Marc Marquez, lui fa cose eccezionali. Non ha niente da recriminarsi, il nostro team ha un grande rispetto ed ammirazione per ciò che fa. Ora dobbiamo affrontare l’infortunio di Marc, ma queste sono le gare, siamo un team forte e lo supereremo“.