Paolo Bruno/Getty Images

La vittoria conquistata all’Olimpico contro la Lazio è ormai il passato, il Milan è già chiamato a voltare pagina in vista della super sfida di domani contro la Juventus.

Ibra e Ronaldo
Getty Images

Un match intrigante che potrebbe far compiere ai rossoneri il definitivo salto di qualità, magari battendo la capolista e allungando la propria striscia positiva. Intervenuto in conferenza stampa, Pioli ha ammesso: “dovremo eccellere in tutto, perché giochiamo contro i migliori. Però direi che sì, questo è il mio Milan. In passato non ci eravamo riusciti con la continuità e la precisione che stiamo avendo in queste partite. Stiamo riuscendo a mettere in campo tutto quello che prepariamo durante la settimana. So di avere una squadra di qualità, degli ottimi giocatori e tanti professionisti. Gli allenamenti di oggi e domani saranno decisivi per quanto riguarda gli acciaccati. Calhanoglu ha avuto una contrattura al polpaccio, dovuta ad un trauma. Mi auguro che possa essere disponibile“.

Ibrahimovic
Gabriele Maltinti/Getty Images

Pioli poi si è soffermato sulle condizioni di Ibrahimovic: “mi auguro che possa salire il minutaggio e il suo livello di prestazione. E’ il giocatore più forte dal punto di vista mentale e della presenza in campo che abbia mai allenato. Lo avvertono sia i suoi avversari che i suoi compagni. Theo Hernandez? Sta lavorando con continuità e attenzione in fase difensiva, significa che ha capito che può diventare uno dei terzini più forti del mondo se lavora sull’aspetto difensivo. Dovrà essere molto attento domani sera“.

Ibrahimovic Rebic
Foto Getty / Marco Luzzani

Infine, l’allenatore rossonero ha parlato del proprio futuro: “quando arriveremo a fine campionato, voglio solamente la soddisfazione di aver dato il massimo insieme ai miei giocatori in un club così importante. Credetemi, in questo momento non penso al 3 agosto. Per lo sforzo che abbiamo fatto tutti insieme, meritiamo di finire bene il campionato. Poi quelle che saranno le decisioni sul futuro le vedremo più avanti. Abbiamo accorciato in classifica, ma non siamo ancora contenti della nostra classifica. Abbiamo tutti l’obiettivo di dare il massimo fino alla fine“.