Bologna
Marco Luzzani/Getty Images

Sinisa Mihajlovic è una furia al termine della pesantissima sconfitta maturata contro il Milan, il suo Bologna esce con le ossa rotte da San Siro, incassando un 5-1 che non lascia spazio a dubbi sull’andamento del match.

Mihajlovic
Marco Luzzani/Getty Images

Nel post gara l’allenatore serbo non ha salvato nessuno, parlando ai microfoni di DAZN: “se perdiamo 5-1 dobbiamo stare zitti e prenderci le critiche. Chiedo scusa alla società e ai tifosi, perché c’è da vergognarsi. I miei giocatori hanno dignità e spero che facciano lo stesso. La mia non è rabbia, è delusione. Dovremo fare delle scelte per l’anno prossimo, dobbiamo vedere cosa vogliamo fare da grandi, se lottare per l’Europa o salvarci con dieci giornate dalla fine. C’è da cambiare qualcosa se vogliamo fare qualcosa di eccitante, serve fare dei cambiamenti e questa partita l’ha reso chiaro a tutti. Non metto io gli obiettivi alla società. Ci incontreremo a fine campionato per capire cosa fare, nel bene e nel male ho visto ciò che dovevo vedere. Ora siamo lucidi e tiriamo fuori le cose positive. Al momento è tutto negativo, ma qualcosa di buono che serve a me l’ho visto“.

Zlatan Ibrahimovic
Foto Getty / Claudio Villa

L’allenatore serbo poi ha proseguito, parlando anche di Ibrahimovic: “se vogliamo fare qualcosa di bello serve un altro atteggiamento, quando le cose non vanno dobbiamo essere sereni e avere fiducia. Non c’è continuità e per un verso è normale perché abbiamo tanti giovani. Quando tutto va bene si riflette poco, ora possiamo riflettere cercando di capire cos’è successo. Abbiamo perso molti punti per strada e lo sappiamo. Ibrahimovic? Abbiamo parlato delle nostre famiglie, non di calcio. Basta guardarci e ci capiamo, è stato come quando si incontrano due amici. Potrebbe essere utile al Bologna? No comment“.