Ralf Rangnick
Foto Getty / Alexander Hassenstein

Il Milan ha deciso: Ralf Rangnick sarà il nuovo allenatore a partire dalla prosima stagione. Ma non solo: il manager tedesco ricoprirà anche il ruolo di direttore tecnico. Un doppio ruolo inedito per il calcio italiano, una novità introdotta dai rossoneri che praticamente affideranno l’intera gestione della squadra all’uomo che ha contribuito a creare due realtà come Hoffenheim e Lipsia praticamente dal nulla.

Niente da fare per Stefano Pioli che, nonostante i buoni risultati e la grande professionalità, non sembra destinato a restare. Il Milan non ha chiuso la porta alla sua permanenza, ma sembra più per non destabilizzare il finale di stagione che per un’effettiva volontà di trattenerlo (in quel caso Rangnick ricoprirebbe solo il ruolo di direttore tecnico, ndr). Anche Maldini potrebbe dire addio. Lui il Milan vorrebbe trattenerlo, offrendogli però un ruolo di rappresentanza del club, carica già rifiutata in passato dall’ex difensore che vorrebbe un ruolo ‘operativo’ e non di pura immagine.