Paolo Maldini
Valerio Pennicino/Getty Images

Un profilo non adatto per il Milan“, così Paolo Maldini definì Ralf Rangnick quando, nel mese di gennaio, vennero fuori le prime voci su un accordo fra la società rossonera e il manager tedesco. Accordo del quale Maldini e Boban non furono informati, con il dirigente croato che di lì a poco avrebbe lasciato il proprio posto a causa di una profonda spaccatura interna alla dirigenza.

Nel prepartita di Napoli-Milan, Maldini torna sull’argomento, adesso che l’accordo con Rangnick sembra ormai cosa fatta: “ripeterei la frase su Rangnick detta a gennaio. Non era una frase contro una persona ma contro delle modalità. Permanenza al Milan? Quella sul mio futuro è una cantilena che stiamo ripetendo da tempo. Dobbiamo evitare questi discorsi per finire bene la stagione. La squadra ha trovato stabilità e non dobbiamo parlare del futuro. A fine stagione poi arriverà il tempo delle valutazioni. Gattuso? Incontrare Rino da avversario è strano. A volte le strade si dividono ma quel che c’è stato tra lui e il Milan non si potrà mai cancellare“.