Jack Nicklaus
Foto Getty / Jamie Squire

Negli ultimi mesi abbiamo imparato a convivere con il Coronavirus, ad averne paura, ma anche a conoscerlo. Fin dalle prime settimane è stato tristemente noto che i soggetti più a rischio fossero gli anziani a causa di un sistema immunitario più debole rispetto ai giovani e possibili ulteriori patologie già presenti nel loro organismo.

Jack Nicklaus
Foto Getty / Sam Greenwood

C’è però chi è riuscito a superare egregiamente la malattia nonostante l’età avanzata. Jack Nicklaus ad esempio, 80enne leggenda del Golf che vanta 18 Major in bacheca, si è ammalato lo scorso 13 marzo, mostrando evidenti sintomi, risultando positivo a 4 tamponi e restando fino al 20 aprile in isolamento. Jack Nicklaus però è riuscito a guarire e ha deciso di presenziare al Memorial Tournament e di omaggiare, con un pugno e non una stretta di mano, la vittoria di Jon Rahm.

Nicklaus ha raccontato così la sua malattia: “una forte tosse e mal di gola. Per quattro volte sono risultato positivo al test del tampone. Ho avuto il Covid-19 e con me anche mia moglie. Anche mia moglie Barbara è risultata, pur essendo asintomatica, per 3 volte positiva al tampone. Siamo dei fortunati“.