Renato Paratore golf
Foto Getty / Stuart Franklin

Renato Paratore  ha mantenuto la leadership solitaria con 197 (65 66 66, -16) colpi, grazie a un birdie sull’ultima buca, nel Betfred British Masters, primo di una serie di sei tornei denominati “UK Swing”, tutti a porte chiuse, con cui è ripartito l’European Tour dopo lo stop a marzo per la pandemia.

Sul percorso del Close House GC (par 71), a Newcastle-upon-Tyne in Inghilterra, Paratore, 23enne romano con un titolo sul circuito ottenuto nel 2017 (Nordea Masters), ha proseguito la sua splendida marcia con il secondo 66 (-5) di fila frutto di cinque birdie per un totale di 16 in 54 buche senza bogey e ha fronteggiato con molta calma e sicurezza l’attacco del sudafricano Justin Harding e del 19enne danese Rasmus Hojgaard, che l’avevano raggiunto in classifica sul “meno 15”. Poi Harding ha chiuso con un par (66 anche per lui), terminando secondo con 198 (-15) e Hojgaard, stesso 66, con un bogey sull’ultimo green per la terza piazza (199, -14). Il danese ha ottenuto a dicembre scorso il primo successo nel Mauritius Open, superando al playoff proprio Paratore e il francese Antoine Rozner,

Hanno chances anche tre inglesi, Dale Whitnell, quarto con 200 (-13), Sam Horsfield, rinvenuto dalla 46ª posizione con un 61 (-10, tre eagle, cinque birdie, un bogey), miglior score di giornata, e Ashley Chesters, quinti con 201 (-12). Sembrano fuori gioco gli altri, compreso l’inglese Jack Senior, 11° con 204 (-1), autore di una “hole in one” (buca 14, par 3, yards 176, ferro 7). Con la prodezza ha gratificato di 50.000 sterline la “Sir Graham Wylie Foundation”, Official Charity della gara.

Ha recuperato 31 posizioni Guido Migliozzi, 28° con 207 (71 70 66, -6), ed è risalito di undici Andrea Pavan, 48° con 210 (69 72 69, -3). Sempre gradevole a vedersi lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, stesso score di Migliozzi, 56enne di Malaga, 21 titoli, che sta onorando il suo torneo numero 706 sul circuito con cui ha eguagliato per presenze lo scozzese Sam Torrance. Ha ceduto lo svedese Marcus Kinhult, campione uscente, finito quasi in coda alla graduatoria, 66° con 212 (-1), dopo un 74 (+3), in cui staziona anche l’inglese Lee Westwood, ambasciatore dell’evento, 67° con 213 (par).

Migliozzi ha girato in 66 (-5) colpi con un cammino piuttosto articolato fatto di un eagle, sette birdie, di cui cinque nelle ultime sette buche, due bogey e un doppio bogey. Per Pavan 69 (-2) colpi con un eagle, quattro birdie e quattro bogey. Sono usciti al taglio Edoardo Molinari 82° con 143 (72 71, +1), Francesco Laporta (73 73) e Lorenzo Scalise (73 73) 113.i con 146 (+4).

Si gioca, come detto, a porte chiuse con i giocatori e tutti gli altri addetti ai lavori sottoposti ai test per il Covid-19 dagli specialisti della Cignpost. Pieno rispetto delle distanze sociali e delle rigide norme di sicurezza dettate dalla Health Strategy in consultazione con dirigenti sanitari di FIFA, World Rugby e ATP e sotto la regia di Cignpost. Il montepremi è di 1.250.000 euro.