Genoa-Inter
Paolo Rattini/Getty Images

L‘Inter si riprende il secondo posto, il tris al Genoa permette ai nerazzurri di portarsi a meno quattro dalla Juventus, obbligando i bianconeri a vincere domani contro la Sampdoria per vincere lo scudetto. Non basterà il pari agli uomini di Maurizio Sarri per festeggiare, serviranno i tre punti per chiudere ogni questione, proprio a causa del successo ottenuto oggi dall’Inter.

Genoa-Inter
Paolo Rattini/Getty Images

E’ Romelu Lukaku a regalare il sorriso ad Antonio Conte, salendo a quota 23 gol in campionato, terzo interista di sempre al debutto dietro Nyers e Ronaldo. Per il belga sono 29 i centri in stagione, una cifra mai raggiunta nella sua carriera. Un autentico pilastro per l’Inter, che si gode anche la rinascita di Alexis Sanchez, giunto al quarto centro dell’anno. Il cileno rischia però di non giocare l’Europa League, dal momento che il Manchester United non intende lasciarlo a Milano oltre la chiusura del campionato, a meno che l’Inter non decida di acquistarlo.

Genoa-Inter
Paolo Rattini/Getty Images

La velocità e la potenza dell’ex Udinese contano tantissimo per Conte, anche più dell’apporto di Lautaro Martinez, ormai lontano dagli standard pre-Covid. L’allenatore pugliese dovrà ritrovare presto la brillantezza del Toro, per evitare di presentarsi in Europa League senza i gol dell’argentino. Animo completamente opposto invece in casa Genoa, con Nicola che mantiene i quattro punti di vantaggio sulla zona rossa ma con una partita in più. I rossoblù dovranno sperare nella vittoria del Bologna domani contro il Lecce, in caso contrario bisognerà vincere contro Sassuolo e Verona per tenersi stretta la Serie A.