Lewis Hamilton mascherina
Mark Thompson/Getty Images

Dobbiamo scoprire cosa non va nella monoposto di Hamilton, al momento non lo sappiamo“. Con queste parole, Toto Wolff fa scattare l’allarme in casa Mercedes: rispetto allo scorso weekend, la macchina del campione del mondo sembra essere peggiorata. Eppure sia Lewis che la pista sono gli stessi di 7 giorni fa.

Hamilton
Charles Coates/Getty Images

Lo stesso Lewis Hamilton, 6° nelle FP2 del Gp di Stiria che potrebbero assegnare i posti in griglia se le qualifiche non dovessero disputarsi a causa del mal tempo, ha dichiarato: “nella sessione di FP1 le cose sono andate bene, poi ho visto i miei avversari migliorare mentre nel mio caso le performance erano plafonate. Se domani pioverà potrebbe essere una buona chance, a patto però che l’acqua in pista non comprometta la possibilità di girare.

All’apparenza sembrava tutto normale ma alla fine ho chiuso parecchio indietro, quindi c’è parecchio lavoro da fare per capirne i motivi. Nella prima sessione mi sentivo bene e anche l’inizio della seconda non è stata male, ma poi ho iniziato a calare. Molti piloti invece sono rimasti veloci e Valtteri ha mantenuto un buon passo. Domani spero di essere in una posizione diversa. Sarebbe uno schifo se non potessimo disputare la qualifica, visto come sono andate le FP2. Partire più indietro dello scorso weekend renderebbe tutto ancora più complicato“.