Hamilton
Charles Coates/Getty Images

Lewis Hamilton è di casa a Silverstone, insegue la settima vittoria ed ha intenzione di tornare sul circuito britannico per altri 2 o 3 anni. Poi sarà ritiro. Il pilota della Mercedes rinnova la fiducia nella scuderia, nella quale spera di ‘meritarsi’ la conferma nonostate il rinnovo non sia ancora arrivato, ed esalta il lavoro di Toto Wolff in conferenza stampa: “ovviamente non posso garantire che ci sarò, ma incrociando le dita posso dire che è mia intenzione essere qui a Silverstone l’anno prossimo, possibilmente coin i tifosi. Il lockdown ha avuto almeno un aspetto positivo, mi ha consentito di concentrarmi su altro e di ricaricare le batterie e la mia intenzione è di correre ancora un po’, quanto ora non lo so. Ma almeno altri due o tre anni. Parto sempre dal presupposto che anche se sono un campione del mondo, il posto me lo devo meritare. E questo è il mio target all’inizio di ogni stagione. Toto Wolff è un amico e il mio boss al tempo stesso, trasparente, onesto, franco e un grande leader. Tanti nostri successi sono il frutto della sua leadership, oltre che dal lavoro di una squadra fantastica. Toto è anche divertente, quando ad esempio picchia i pugni sulla consolle quando perdiamo! E’ il segno della sua passione per le corse“.