Binotto
Mark Thompson/Getty Images

La Ferrari ha forse ottenuto più di quanto si aspettasse. Il secondo posto di Charles Leclerc nel Gp d’Austria ha mascherato le difficoltà del weekend, ma i problemi restano ancora evidenti.

Sebastian Vettel
Foto Getty / Mark Thompson

Lo sa bene Mattia Binotto che, analizzando la gara ai microfoni di Sky Sport, ha spiegato che potrebbero esserci nuovi miglioramenti già a partire dalla prossima gara in Austria e non da quella in Ungheria: “l’avevamo detto ad inizio weekend: saremo in difesa e dovremo massimizzare ogni chance. Il secondo posto è una bellissima sorpresa, dopo la qualifica di ieri nessuno se lo aspettava. Charles ha fatto una bellissima gara, ha saputo difendersi e fare dei sorpassi fantastici. Siamo contenti del secondo posto ma non ci scordiamo i problemi di prestazione avuti ieri. Vettel ingenuo nello scontro con Sainz? Un peccato per i punti pesti con Sebastian, specialmente pensando che Red Bull non ne ha fatti. Era importante massimizzare i punti. In quel momento Vettel ha commesso un errore, dice che la macchina non era ben bilanciata oggi e faceva fatica a guidarla. Credo che quando un pilota è in difficoltà con la propria macchina commette qualche errore in più. Rimane il fatto che oggi si poteva far meglio.

Mattia Binotto
Foto Getty / Dan Istitene

Miglioramenti già dalla prossima gara e non in Ungheria? Stiamo lavorando giorno e notte a Maranello per cercare di anticipare i tempi il più possibile. Portare tali miglioramenti già in Austria la prossima settimana è importante non solo per un confronto sulla pista, ma anche per staccarci dal gruppo McLaren, Reanult, Racing Point perchè la posizione della Ferrari non è quella. Abbiamo perso in prestazioni del motore. In qualifica abbiamo perso 1 secondo dalla pole, 7-8 decimi nel rettilineo. Questa macchina ha un problema aerodinamico che stiamo cercando di correggere.

Gara al Mugello? Siamo molto vicini, non abbiamo ancora firmato. Stiamo spingendo da molto tempo, per noi è importante, ci teniamo molto, l’abbiamo proposta e voluta. Siamo al 98%. Festeggiare i 1000 gp al Mugello sarebbe la ciliegina sulla torta, sarebbe bello anche avere i tifosi, ma sappiamo la situazione Covid“.