Binotto
Mark Thompson/Getty Images

Mattia Binotto è finalmente uscito allo scoperto, facendo chiarezza sulla power unit Ferrari, molto meno potente quest’anno rispetto alla scorsa stagione. Le direttive della FIA hanno influito enormemente in questa perdita di prestazioni, come molti immaginavano senza avere avuto mai la certezza.

Binotto
Charles Coates/Getty Images

Ci ha pensato il team principal del Cavallino a mettere le carte sul tavolo durante il week-end di Budapest: “penso che i regolamenti siano molto difficili e complessi, ci sono delle aree dei regolamenti in cui forse saranno ancora necessari dei chiarimenti. È un processo che è in corso che è sempre esistito in passato ed esisterà anche in futuro. Dallo scorso anno sono state rilasciate molte direttive tecniche da parte della FIA, che alla fine hanno chiarito alcune aree delle normative. Penso che abbiamo dovuto adattarci alle nuove interpretazioni. Non credo che a risentirne sia stata solo la Ferrari, perché guardando alle potenze di questa stagione penso che la maggior parte degli altri Costruttori si sia dovuta adeguare. Sicuramente la Ferrari ha perso parte delle prestazioni che aveva“.

Bryn Lennon/Getty Images

Binotto poi ha proseguito: “lo sviluppo delle power unit è un processo continuo che non abbiamo mai fermato dal 2012, probabilmente quando abbiamo iniziato a sviluppare questi motori. Avevamo programmato delle evoluzioni per questa stagione che avremmo presentato durante il campionato, ma per il lungo periodo di stop, che non è valso per tutti i motoristi, cercheremo di portare delle novità all’inizio della prossima stagione“.