Ibrahimovic
Foto Getty / Francesco Pecoraro

Zlatan Ibrahimovic o si ama o si odia, i suoi compagni lo sanno bene. Se la maggior parte dei calciatori che hanno giocato con lui ne ha apprezzato il carisma e le qualità, non sono comunque mancati screzi e critiche da altri ex compagni. L’ultima arriva da Albin Ekdal, centrocampista della Sampdoria che allemittente svedese Svt ha spiegato come la presenza di Ibrahimovic spingesse la Svezia a dover giocare per lui, raccogliendo forse meno di quanto avrebbe meritato: “la nostra squadra era composta da una stella di livello mondiale e dieci buoni giocatori che avrebbero dovuto aiutarlo a dominare. E questa tattica non ha funzionato“.

Ibrahimovic è stato escluso dall’ultima nazionale che ha preso parte ai Mondiali 2018, ma nonostante ciò, la Svezia ha disputato un ottimo torneo. Albin Ekdal ha raccontato: “c’era un grandissimo spirito di squadra, armonia e fiducia in se stessi. Dopo il mondiale, ho pensato: forse molte nazionali nel corso degli anni non sono state in grado di far fronte alle richieste di Zlatan”.